skip to Main Content

OPA: FACCIAMO CHIAREZZA

OPA: FACCIAMO CHIAREZZA

Molti soci e azionisti di minoranza ci chiedono chiarimenti sull’OPA volontaria totalitaria lanciata da Sunrise Investments spa.

Sul sito di Borsa Italiana si legge che “in seguito alla promozione di un’OPA totalitaria, l’offerente possa avvalersi del diritto  di acquisto delle azioni residue se venga a detenere almeno il 95% del capitale con diritto di voto.” E più oltre: “Secondo quanto stabilito dal 1° comma 1 l’offerente che venga a detenere, a seguito di un’offerta pubblica totalitaria, una partecipazione almeno pari al novantacinque per cento del capitale rappresentato da titoli in una società italiana quotata ha l’ obbligo di acquistare i restanti titoli da chiunque ne faccia richiesta.

Nel comunicato stampa emesso da Sunrise Investments spa in data 23 agosto 2019 si specifica che “i titolari di Azioni Ordinarie che non abbiano aderito all’Offerta (omissis) saranno obbligati a trasferire all’Offerente la titolarità delle azioni ordinarie da essi detenute e, per l’effetto, per ogni Azione Ordinaria da essi detenuta riceveranno un corrispettivo determinato in conformità alle previsioni di cui all’articolo 108, commi 3 o 4, del TUF e delle relative disposizioni di attuazione di cui all’articolo 50 del Regolamento Emittenti.

Avendo Sunrise Investiments spa per propria ammissione dichiarato il superamento della soglia del 95% e la volontà di acquistare eventuali azioni da parte di coloro che non avessero aderito all’OPA, ne consegue che i detentori di azioni IOL saranno in ogni caso sottoposti a quello che in gergo viene chiamato “squeeze out”, come illustrato nella parte sinistra della figura.

Back To Top