skip to Main Content

29 Febbraio 2016: Azioni ai dipendenti

29 Febbraio 2016: Azioni Ai Dipendenti

Azioni ai Dipendenti? Si, no, forse… Incontro con il dott. Fascetti.

L’azionariato diffuso è una forza propulsiva per l’azienda e per l’economia. A dirlo non è solo ASSOSPG, ma autorevoli studi ed esperienze concrete, come evidenziato anche da EFES, European Federation of Employee Share Ownership, associazione delle aziende con capitale ai dipendenti, cui anche noi facciamo riferimento.
In uno studio specifico sono stati correlati i piani di azionariato diffuso destinati ai non dirigenti ed i risultati delle aziende espressi attraverso il R.O.E. Il risultato è stato che la partecipazione finanziaria estesa a tutti i dipendenti migliora la “performance” delle aziende medesime, mentre, al contrario, gli incentivi economici concessi a ristretti gruppi di dirigenti la condizionano negativamente.

Forti di questi elementi e sulla base della raccomandazione che il Comitato Compensi della passata gestione SEAT aveva a suo tempo espresso, abbiamo chiesto ed ottenuto un incontro con l’AD Converti. Per competenze e ruolo, siamo stati indirizzati al Dr. Fascetti, il quale ha condiviso l’impostazione di fondo e mostrato forte attenzione nei confronti dell’Associazione.
Tutto OK? No, perché fino ad oggi – o meglio, fino ad ieri – il tema dell’azionariato a Dipendenti ed Agenti non era all’ordine del giorno della società.
Ora non è più così!
Da parte ASSOSPG abbiamo assicurato la realizzazione di una analisi comparata con evidenziati i pro ed i contro delle diverse opzioni sul tavolo: acquisto a sconto, cessione a titolo gratuito, magari con la “scusa” della ricorrenza dei novanta anni dalla pubblicazione del primo elenco telefonico SEAT avvenuta nel 1926, etc.
Per l’azienda c’è la necessità di aumentare il flottante a fronte di una quota di controllo ritenuta troppo elevata, non disgiunto dal tema del costo monetario dell’operazione, in un momento di massimo sforzo nel contenimento dei costi stessi. Dunque, la sfida è dimostrare che i benefici reali, per tutti, sono di gran lunga superiori ai costi.
In ogni caso l’istanza di portare sui tavoli decisionali opportuni la richiesta di favorire l’azionariato diffuso è stata accolta: dunque avremo a breve un secondo incontro di approfondimento. Se son fiori, fioriranno… e irrigarli… spetta a noi!

Back To Top