skip to Main Content

22 Maggio 2015: Accordo Seat – Italia On Line

I FATTI

SEAT ed Italia On Line hanno siglato un accordo che prevede, attraverso un processo in tre fasi, la fusione delle due società.
Fase 1: il concambio azionario
Gli attuali fondi proprietari del 53% delle azioni SEAT, conferiscono tale patrimonio a Italia On Line in cambio di azioni ordinarie per un importo di circa 135 milioni di € (mediante delibera di aumento di capitale di IOL)
Fase 2: l’OPA
Italia On Line lancia l’OPA obbligatoria sul capitale restante, allo stesso valore del concambio della fase 1 (0,0039 €)
Fase 3: la fusione per incorporazione
Al termine dell’OPA è prevista la fusione per incorporazione di Italia On Line in SEAT. Alla borsa di Milano verrà quotato il nuovo titolo SEAT. Delibera dei CdA prevista per agosto 2015, effetto della fusione da inizio 2016.

LE ATTESE

L’operazione mira alla realizzazione del prima Internet company nazionale, in grado di fronteggiare i colossi americani Google e Facebook. Ed a guardare i numeri esistono le condizioni per il successo di questa strategia.
Inevitabilmente, come recita il comunicato stampa dell’operazione, il Patto Parasociale che sostiene l’intesa, prevede “disposizioni aventi ad oggetto . . . . la corporate governance . . . come ad esempio la composizione del Consiglio di Amministrazione . . . e la nomina del Presidente e dell’Amministratore Delegato.”

I COMMENTI

1 – Un nuovo azionista industriale.
Dopo anni di finanza creativa, SEAT torna ad una logica industriale: le possibili sinergie di business fra i due gruppi sono reali, il ruolo che insieme possono giocare sul mercato può favorire attraverso prodotti, strutture e strategie diverse dal passato, una nuova grande era. Il tema vero dunque è il Nuovo Piano Industriale, rispetto al quale ci dichiariamo disponibili a fornire contributi ed a collaborare per la sua realizzazione.
2 – Da titolo spazzatura a titolo appetibile.
Ma oltre a guardare al futuro, uno sguardo al presente ed al recente passato, ci permette di affermare che il lavoro fin qui fatto ha dato i suoi frutti: Seat, data per spacciata, il titolo considerato spazzatura, ora è oggetto di interesse e di nuove alleanze.
3 – Il contributo delle persone
Nella SEAT che si va a disegnare, Internet e la rete commerciale assumono un ruolo ancora più centrale. E per fare lavorare bene e con la giusta concentrazione e serenità gli agenti, è necessario valorizzare le risorse che permettono il funzionamento dell’intera macchina. Le competenze di SEAT e Italia On Line in termini di know how possono portare ad una crescita che valorizzi i contributi di tutti, evitando il rischio di considerare ridondante la più preziosa delle risorse: the human brain!

E PER CHIUDERE…

Essere protagonisti come ASSOspg in questa nuova fase, rappresenta un ulteriore stimolo ed anche un segno di lungimiranza nell’assumerci nuove responsabilità.

Back To Top